Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone: guida pratica.

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone

Abbiamo già visto in questo articolo –>https://www.iapicca.com/2017/05/21/come-scaricare-atti-da-un-fascicolo-telematico-usando-il-cellulare/ come fare per accedere al fascicolo telematico con il cellulare, usando lo SPID (clicca qui se vuoi sapere come aprire un profilo SPID –> https://www.iapicca.com/2017/03/05/come-aprire-un-profilo-spid/).

In questo nuovo articolo, invece, vedremo come accedere a PST giustizia e quindi come controllare eventi di cancelleria e scaricare atti e documenti da un nostro fascicolo telematico, dallo smartphone, semplicemente usando il dispositivo di firma.

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone. Cosa serve.

Per accedere al fascicolo telematico con lo smartphone serve:

  1. la nuova firma digitale DIGITAL DNA KEY
  2. uno smartphone oppure un qualsiasi altro dispositivo diverso da PC (tablet, ipad – sia Android che IOS);
  3. l’APP DIGITAL DNA di InfoCamere, disponibile sia per ANDROID che per IOS (ovviamente da installare sul dispositivo mobile).

Se vuoi saperne di più sul dispositivo di firma DIGITAL DNA KEY puoi consultare questo articolo –> https://www.iapicca.com/2020/11/08/la-nuova-digital-dna-key-per-firmare-in-bluetooth-anche-su-smartphone/

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone. Premessa.

Come abbiamo già visto nell’articolo dedicato al nuovo prodotto di INFOCAMERE, la Firma Digitale Bluetooth ‘digital DNA key’ è il un nuovo token di firma utilizzabile non solo con il pc, ma anche in modalità wireless con qualunque dispositivo mobile, smartphone o tablet, sfruttando la tecnologia bluetooth. E’ proprio questa caratteristica che ci consentirà di accedere ed autenticarci in maniera ‘forte’ al portale dei servizi telematici pst.giustizia.it ed accedere così, dallo smartphone, a tutti i servizi offerti dal sito e di solito utilizzabili esclusivamente da PC.

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone. Istruzioni.

1. spostare l’interruttore bluetooth della digital DNA Key su ON (v. freccia bianca)

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone

2. avviare sullo smartphone l’APP DigitalDNA

3. l’icona bluetooth accesa nella schermata principale dell’APP ci avviserà dell’avvenuta connessione tra la DIGITAL KEY ed il nostro smartphone (freccia blu)

4. cliccare sull’icona SERVIZI WEB (v. freccia rossa). Si tratta di un browser ‘speciale’ che consente alla pagina web che visitiamo di ‘dialogare’ con la firma digitale e quindi ‘eseguire’ un’autenticazione forte (come quella richiesta da PST GIUSTIZIA).

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone

5. digitare sulla barra degli indirizzi del browser SERVIZI WEB dell’APP l’indirizzo: pst.giustizia.it (freccia amaranto) e poi una volta caricata la pagina cliccare su LOGIN (freccia verde)

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone

6. a questo punto il browser dell’APP si collegherà alla DIGITAL DNA KEY chiedendovi di inserire il PIN

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone

7. il buon fine dell’autenticazione sarà segnalato da un BIP proveniente dal token. Si caricherà quindi la pagina di PST.GIUSTIZIA.IT con accesso completo alle funzioni riservate agli utenti AUTENTICATI. Ed infatti il browser riconoscerà il vostro codice fiscale (v. freccia viola) e saranno cliccabili i pulsanti ACCEDI delle funzioni riservate agli utenti abilitati (v. freccia rosa).

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone

8. cliccando, infine, su ACCEDI nella sezione CONSULTAZIONE REGISTRI, sarà possibile prendere visione degli EVENTI di cancelleria e poi cliccare sul numero del fascicolo per visualizzare i documenti e gli atti presenti nel fascicolo telematico.

Consultare il fascicolo telematico con lo smartphone
Note a piè di pagina
  1. []
About Michele Iapicca 301 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.