IO l’APP dei servizi pubblici

IO l'app dei servizi pubblici
IO l'app dei servizi pubblici

Cos’è IO l’APP dei servizi pubblici

Il progetto IO (io.italia.it) è un importante pilastro della visione di cittadinanza digitale del Governo Italiano. Ideato e sviluppato dal Team per la Trasformazione Digitale e oggi gestito da PagoPA S.p.A., ha l’obiettivo di facilitare l’accesso dei cittadini a tutti i servizi digitali della Pubblica Amministrazione e ai diritti che questi servizi garantiscono.
Esito di questo progetto è IO l’app dei servizi pubblici: un unico canale attraverso cui tutti gli Enti, locali e nazionali (Comuni, Regioni, agenzie centrali) offrono i propri servizi al cittadino, in modo semplice e personalizzato, direttamente su smartphone.
Attraverso l’app, IO rende concreto l’articolo 64bis del Codice dell’Amministrazione Digitale (decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82) che istituisce un unico punto di accesso per tutti i servizi digitali erogato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’app è in versione beta ma consente già al cittadino o al professionista di accedere ad importanti funzioni.

Prerequisiti per usare IO l’APP dei servizi pubblici

Per usare IO è necessario disporre di un profilo SPID.

Per aprire un profilo SPID puoi seguire la guida pubblicata qui —> https://www.iapicca.com/2017/03/05/come-aprire-un-profilo-spid/

Ovviamente è necessario disporre di uno smartphone sul quale scaricare l’applicazione IO, disponibile sia per IOS che per ANDROID.

A cosa serve IO l’APP dei servizi pubblici

Attualmente l’applicazione, alla quale si accede tramite autenticazione con SPID, serve per pagare (previa aggiunta di un metodo di pagamento) gli avvisi PAGOPA e per accedere al BONUS VACANZE.

Io l'APP dei servizi pubblici

Serve, inoltre, a:

○ ricevere messaggi e comunicazioni da un ente, con la possibilità di archiviarle
○ ricordare e gestire le proprie scadenze verso la Pubblica Amministrazione (es. carta d’identità, permesso ZTL, bandi per iscrizione ai nidi…), aggiungendo i promemoria nel proprio calendario personale con un clic
○ ricevere avvisi di pagamento, con la possibilità di pagare servizi e tributi (es. Bollo Auto, TARI, mensa scolastica, multe…) dall’app in pochi secondi (direttamente dal messaggio o tramite scansione QR dell’avviso cartaceo) portando sempre con sé lo storico delle operazioni e le ricevute di pagamento.

In futuro servirà pure:

○ per accedere al BONUS CASHBACK (una sorta di rimborso del 10% di quanto speso con strumenti di pagamento elettronici –> https://www.agendadigitale.eu/cittadinanza-digitale/pagamenti-digitali/bonus-300-euro-per-chi-paga-con-carta-nei-negozi-da-dicembre-il-piano-cashless-del-governo/)
○ per ottenere certificati, notifiche e atti pubblici, da conservare nel proprio smartphone
○ per avere sempre a disposizione i propri documenti personali in formato digitale (codice fiscale, patente, tessera sanitaria…)

Ovviamente più alto sarà il numero di enti pubblici che sceglieranno di digitalizzarsi, maggiori saranno i servizi digitali attivi per i cittadini. Per ora hanno aderito ACI (servizio visure e pagamento bollo), Agenzia Entrate (bonus vacanze), alcuni Comuni e Città (servizi anagrafe, avvisi scadenza TARI, iscrizione ai nidi, sportelli virtuali, refezione e trasporto scolastico, ecc).

IO l’APP dei servizi pubblici è totalmente open source

IO è un progetto concepito come patrimonio collettivo: ha un’anima interamente open source, basata su processi di sviluppo aperti e collaborativi.
Tutto il codice delle componenti, tutta la documentazione, le discussioni e gli strumenti di sviluppo sono pubblici e facilmente reperibili, così come l’interfaccia è progettata seguendo le linee guida e usando i kit proposti da designers.italia.it
Chiunque lo desideri e ne abbia le competenze, può dare il proprio contributo, integrando queste risorse o proponendo miglioramenti.

Note a piè di pagina
  1. []
About Michele Iapicca 296 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.