PCT in Cassazione? Ci siamo quasi!

PCT in Cassazione
PCT in Cassazione

Processo telematico – Schemi XSD relativi al deposito telematico dei ricorsi presso la Corte Suprema di Cassazione

Nella sezione news del Portale dei servizi telematici del 24/3/20 (visualizzabile qui) è stata pubblicata la nuova versione (disponibile qui) degli schemi XSD relativi agli atti introduttivi e successivi che sarà possibile depositare telematicamente presso la Corte di Cassazione.

Parte così la ‘sperimentazione’ del PCT in Cassazione, come preannunciato anche sul sito ufficiale della Suprema Corte, con il rilascio anticipato di questa “beta release”, riservata, ovviamente, alle software house e quindi allo sviluppo o alla integrazione di applicativi (es. SLPCT o Principe PCT) sul deposito telematico degli atti giudiziari. 

La news precisa, infatti, che ‘I nuovi schemi XSD non saranno utilizzabili prima che il sistema di Model Office della Corte di Cassazione sia stato adeguato. Fino a che non verrà pubblicata apposita comunicazione, quindi, gli atti depositati presso il Model Office di sperimentazione dovranno essere conformi agli schemi pubblicati in data 25/09/2019‘.

Nei nuovi schemi XSD – precisa il sito pst.giustizia.itè stata semplificata la sezione relativa al Provvedimento impugnato. Gli elementi Autorità e Luogo, inoltre, sono stati sostituiti dall’elemento Ufficio, che prevede il codice dell’ufficio presso il quale è stato iscritto il procedimento oggetto del ricorso. L’elenco di tutti i codici ufficio potrà essere ottenuto, analogamente a quanto previsto per gli uffici del PCT di merito, attraverso l’invocazione di uno specifico servizio che verrà opportunamente descritto nel manuale dei servizi web esposti‘.

Tutto è pronto, quindi, per provare il PCT in Cassazione, grazie a questo ulteriore ‘piccolo passo dei programmatori, che rappresenta un grande passo per la giustizia‘.

  1. []
About Michele Iapicca 288 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.