Multa salata per chi posta foto di minori su Facebook?

foto di minori

Multa salata per chi posta foto di minori su Facebook?

Era una notizia di qualche tempo fa, ma ultimamente è tornata alla ribalta.
A tanto si è disposti ad arrivare in Francia, quindi, solo al fine di tutelare la privacy dei minori che, spesso e volentieri viene violata da ‘parenti’ troppo ‘orgogliosi’ o peggio ‘esibizionisti’.
Questa violazione potrebbe costare molto cara a chi non riesce proprio a desistere dal desiderio di mostrare le foto dei propri pargoli.
E per farlo basterebbe solo applicare il vigente ed attualissimo codice della privacy francese, assicurando così ai trasgressori multe salatissime ed addirittura la reclusione.
La violazione, pure colposa, delle norme in materia di trattamento dei dati personali è, infatti, pienamente sanzionabile anche secondo norme del codice penale francese, introdotte dalla legge n° 2004-801, che hanno un campo di applicazione più ampio rispetto agli articoli che hanno modificato o sostituito (facendo riferimento ai “dati di carattere personale” anziché ai “dati nominativi”), inasprendo le pene, che arrivano fino a 5 anni di reclusione e 300.000 euro d’ammenda.

La legge francese parla di obbligo di responsabilità di ciascun genitore nei confronti dell’immagine dei propri figli ed è certo che se questo dovere giuridico dovesse venir meno anche con la pubblicazione di foto di minori, i figli potrebbero rifarsi su mamme e papà negligenti o troppo esibizionisti (o forse superficiali) avanzando nei confronti dei trasgressori (in futuro e da maggiorenni) addirittura richieste di risarcimento.

Anche facebook, nel frattempo, sta studiando strumenti per far desistere gli utenti dalla pubblicazione di foto di minori, perché prevenire ogni forma di responsabilità, anche oggettiva, è meglio che curare.

About Michele Iapicca 278 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.