Fatture elettroniche: come conservarle gratis con l’Agenzia delle Entrate

fatture elettroniche

Sapete tutti, oramai, che secondo il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 17/06/2014 e la Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 18E del 24/06/2014 le fatture elettroniche devono essere conservate sia dai soggetti attivi che passivi in modo tale che siano rispettate le norme del codice civile, le disposizioni del codice dell’amministrazione digitale e delle relative regole tecniche (DPCM 3 dicembre 2013 in materia di sistemi di conservazione) e le altre norme tributarie riguardanti la corretta tenuta della contabilità; la tecnica di conservazione usata, inoltre, dovrà fare in modo che siano consentite le funzioni di ricerca e di estrazione delle informazioni dagli archivi informatici in relazione almeno al cognome, al nome, alla denominazione, al codice fiscale, alla partita IVA, alla data o associazioni logiche di questi ultimi, laddove tali informazioni siano obbligatoriamente previste.

Il Dlgs 127/15 relativo alla ‘Trasmissione telematica delle operazioni IVA e di controllo delle cessioni di beni effettuate attraverso distributori automatici, in attuazione dell’articolo 9, comma 1, lettere d) e g), della legge 11 marzo 2014, n. 23’ (clicca qui per visualizzare il testo in G.U.) all’articolo 1 (Fatturazione elettronica e trasmissione telematica delle fatture o dei relativi dati) ha stabilito che ‘A decorrere dal 1° luglio 2016, l’Agenzia delle entrate mette a disposizione dei contribuenti, gratuitamente, un servizio per la generazione, la trasmissione e la conservazione delle fatture elettroniche‘.

Il servizio in questione è disponibile a questo indirizzo https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/portale/.

L’accesso è riservato agli iscritti, ovvero ai possessori di SPID o di CMS (firma digitale).
fattura1
Ed infatti, basterà cliccare (v. immagine sopra) su entra con CMS con il dispositivo di firma inserito nella porta USB per accedere a questo ottimo servizio messo a disposizione in maniera gratuita dall’Agenzia delle Entrate.

fattura2
Per accedere al servizio di conservazione cliccare sul link presente nel primo rettangolo in alto a sinistra.

fattura3
Nella schermata successiva è possibile scegliere tra i servizi (tutti gratuiti) di generazione (cioè creazione fattura), trasmissione (cioè invio al sistema di interscambio) e conservazione della fattura elettronica.

fattura4
Al primo accesso sarà chiesta una formale adesione al servizio di conservazione.
Ai successivi, basterà cliccare sul primo link (Fai una nuova richiesta di conservazione) per chiedere di conservare una fattura elettronica. Sempre da questa pagina è possibile prendere visione dello stato di una precedente richiesta di conservazione, o di revocare il servizio di conservazione.

fattura5
Nella schermata che segue, basterà cliccare su SCEGLI FILE e selezionare il file xml.p7m della fattura da conservare, ed il gioco è fatto!

fattura6
Selezionando MONITORAGGIO DELLE RICHIESTE, infine, sarà possibile prendere visione delle fatture già conservate (o in corso di conservazione).

Il servizio può essere utilizzato dai soggetti che hanno emesso le fatture elettroniche (siano essi imprenditori, professionisti o amm.ri di società), ma non da soggetti diversi dall’emittente, ovvero per delega o per conto di terzi.
E’ possibile conservare anche le vecchie fatture elettroniche (cioè relative agli anni passati), purché siano rappresentate nel formato fatturaPA versione 1.1 (clicca qui per vedere le specifiche tecniche di fatturaPA 1.1.).
I documenti fiscali caricati su questo server, saranno conservati per 15 anni!
Ovviamente è obbligatorio che la fattura da conservare sia sottoscritta digitalmente, come previsto dalla normativa che regola la trasmissione delle fatture destinate alla Pubblica Amministrazione.

About Michele Iapicca 275 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E' stato premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, con la Toga d’argento, nell'anno 2004. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.