Lo sai che… puoi inviare la tua busta con la PEC del collega? Misteri e bug del PCT.


Lo sai che… puoi inviare la tua busta con la PEC del collega? Misteri e bug del PCT.
In effetti non ce l’aveva detto mai nessuno che si poteva fare e tutti pensavamo che quel maledettissimo controllo automatizzato di cancelleria (terza PEC che si riceve dopo avere inviato una busta telematica) avrebbe rigettato una busta firmata da un avvocato ma spedita con la PEC di un altro.
Ma non è così.
Proprio la scorsa settimana, due ignare Colleghe, che condividono un medesimo studio legale, usando lo stesso pc, hanno dato conferma di questa possibilità.
Una delle due, infatti, dopo avere compilato e sottoscritto digitalmente tutti i file della busta ed avere creato, così, il file Atto.enc per il tramite del noto software SLPCT, ha cliccato su ‘invia busta’, provocando l’apertura della pagina di spedizione del Client di posta predefinito (Windows live mail).
Però il client era preimpostato con la PEC dell’altra Collega e, pertanto, l’avvocato autore della busta, per distrazione, ha trasmesso il file usando una PEC non sua.
Qual è stata la conseguenza?
Beh, il primo e più lampante effetto (che poi ha permesso alla Collega di accorgersi dell’errore) è stato quello di aver ricevuto, sulla propria casella PEC, alcun messaggio ‘di ritorno’. Mancavano (con conseguente sincope provocata dal noto ictus da errore forense, molto diffuso tra gli avvocati) i messaggi di accettazione, conferma e esito controlli automatizzati, che misteriosamente erano apparsi sulla casella della collega di studio (non autrice della busta).
Dopo avere realizzato, la collega, sebbene in preda all’ictus, si è affrettata a rispedire l’atto con la propria PEC ma… udite, udite… il sistema la rigettava, per la presenza di altra busta con lo stesso oggetto.
Alla fine, disperata, prima di recarsi al locale nosocomio ;), provvedeva a chiamare in cancelleria che, con gran sorpresa, dichiarava accettata la busta spedita con la prima PEC.
Misteri del PCT… che Dio ce la mandi buona.

About Michele Iapicca 259 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E' stato premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, con la Toga d’argento, nell'anno 2004. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.