Come configurare per la prima volta SL PCT (guida completa anche per la creazione di account PEC con Windows Mail)


Come saprete, SL PCT è il software gratuito finanziato dalla Regione Toscana e realizzato da Evoluzioni Software, che permette la creazione della c.d. ‘busta’ contenente i files dei vostri atti giudiziari, da inviare presso le Cancellerie civili dei Tribunali italiani.

Per come noto, dal 30 giugno 2014 in poi, infatti, in tutti i Tribunali, i depositi degli atti di parte (con esclusione degli atti di costituzione) e dei ricorsi per ingiunzione sarà possibile esclusivamente per via telematica.

Se volete evitare l’acquisto immediato di software ‘compilatori di buste PCT’, potrete cominciare a ‘familiarizzare’ con questo semplicissimo e intuitivo prodotto informatico che, però, come tutti i software, richiede un minimo di configurazione.

Per capire come si configura, è opportuno fare una breve premessa sul funzionamento del programma e sulle modalità di trasmissione della busta alle cancellerie.

Il programma vi aiuta a creare la busta, cioè un file contenente i files dei vostri atti giudiziari (ricorso, procura, allegati), la nota di iscrizione a ruolo, che dopo ‘la sottoscrizione digitale’, vanno spediti con la vostra PEC alla PEC della cancelleria competente per territorio e grado. Il programma, quindi, ‘passo passo’, via aiuta a firmare ‘digitalmente gli atti’, allegando ad una email, la busta da spedire alla PEC specifica della cancelleria destinataria dell’atto.

Quindi, per iniziare è necessario disporre:

1) del software SL PCT scaricabile da qui ——> Versione per Windows; Versione per MAC; Versione per Linux

2) di una firma digitale (rilasciata da Infocert, ma acquistabile presso le CCIAA, presso i punti Giuffré, Utet, Aruba, ecc);

3) di una casella di Posta Elettronica Certificata o PEC;

4) di un Client (o gestore) di Posta Elettronica. Da qui potrete scaricare il più famoso e gratuito Client, cioè Windows Live Mail (fa parte del pacchetto Essential).

Preliminarmente, dunque, è NECESSARIO CONFIGURARE un Client di posta elettronica che gestisca la Vostra PEC:

CONFIGURAZIONE CLIENT POSTA ELETTRONICA
Questa operazione va fatta solo la prima volta (e sempre che non abbiate già un Client di posta… in questo caso saltate quanto appresso e per leggere il punto successivo).
Il Client di posta elettronica è un gestore di posta che semplifica ogni operazione di raccolta, scrittura e archiviazione della messaggistica di posta elettronica.
Il più famoso (oltre che gratuito… come quasi tutti i Client di posta elettronica) è Windows Live Mail (o Windows mail o Outlook) che fa parte del pacchetto essential di Microsoft. Windows Mail contiene anche una rubrica di indirizzi che, in caso di configurazione con indirizzo Outlook.com o Hotmail, si sincronizza in automatico con il vostro PC.
Seguono, quindi, le istruzioni per configurare Windows mail con una PEC fornita da Aruba e/o da Giuffré (sempre server Aruba).

Dopo l’installazione, avviate il client e poi fate clic sulla voce di menù “Account”

Scegliere il pulsante “Posta Elettronica”

Dalla finestra di dialogo mostrata in basso, inserire i dati dell’account:
– L’indirizzo di posta elettronica certificata da configurare (es. avv.tizio@pec.it)
– La Password scelta nel momento della creazione della casella
– Il Nome che si vuole rendere visibile alla ricezione della vostra posta (es. Avvocato Tizio)
Importante: come indicato nell’immagine che segue, mettere il segno di spunta alle due opzioni che seguono:
– Memorizza Password
– Configura manualmente impostazioni Server

Una volta inseriti tutti i dati richiesti, cliccare sul pulsante “Avanti”:
Accertarsi che tutti i parametri di Posta in entrata e uscita siano stati inseriti come indicato nell’immagine
seguente:
– Tipo di Server: POP
– Indirizzo Server di Posta in Entrata: pop3s.pec.aruba.it (nel caso di PEC fornita da Giuffré inserire pop3s.pec.giuffre.it)
– Numero della Porta del Server di posta in arrivo (POP3): 995
– Autenticazione: testo non crittografato
– Nome Utente: nomecasela@pec.nomedominio.xxx
– Indirizzo Server di Posta in Uscita: smtps.pec.aruba.it (nel caso di PEC fornita da Giuffré inserire smtps.pec.giuffre.it)
– Numero della Porta del Server di posta in uscita (SMTP): 465
– Sicurezza della connessione: SSL

Infine clic su “Avanti”
La casella di posta certificata è stata configurata con successo:
Cliccare, quindi, su “Fine”.

A questo punto verificare nel dettaglio le impostazioni dell’account.
Selezionare l’account, con il pulsante destro mouse e cliccare sulla voce “Proprietà”:

Andare sul Tab “Generale” ed assicurarsi che tutto corrisponda all’immagine:

Andare sul Tab “Server”: clic su “Impostazioni” e verificare che la configurazione di posta in Uscita, utilizzi le stesse impostazioni del Server di posta in Arrivo:


Dal Tab “Impostazioni Avanzate”, verificare il numero delle Porte e il resto della impostazioni indicate
nell’immagine seguente:

Infine, selezionare la casella

Accertarsi che il client sia in modalità Online, e poi un clic su Strumenti> Invia/Ricevi
Se dopo avere cliccato su Invia/Ricevi riuscite a scaricare la posta o non vengono visualizzati messaggi di errore, la vostra casella PEC è stata configurata correttamentee, quindi, potrete passare alla spedizione della busta.
Preciso, ancora una volta, che questa operazione di configurazione va eseguita solo una volta.

SOFTWARE SL PCT
Dopo avere scaricato il file (usando il link di cui sopra o cliccando qui —> Versione per Windows; Versione per MAC; Versione per Linux), eseguitelo con un doppio clic.
Selezionate la cartella di destinazione (o lasciate tutto com’è, per ottenere l’installazione nella cartella predefinita) e cliccate su installa.
Una finestra di pop up (v. in basso) confermerà l’avvenuta installazione del prodotto.

Cliccate sull’icona SL PCT sul desktop per aprire il programma che, ad ogni avvio, in automatico, cercherà la presenza di eventuali aggiornamenti (nel qual caso, una finestra di pop up vi chiederà l’autorizzazione a installare la nuova versione o il nuovo database delle PEC).

Al primo utilizzo è necessario ‘personalizzare’ il programma con i vostri dati personali.
E’ un’operazione da svolgere SOLO AL PRIMO UTILIZZO.
Dal menu FILE, cliccate su PROFESSIONISTI. Si aprirà una nuova finestra che permetterà l’impostazione dei dati dell’avvocato. Un clic su + NUOVO e si aprirà un’altra finestra ove, dopo avere messo la ‘spunta’ alla casella ‘Mittente di busta per via telematica’, potrete inserire tutti i vostri dati (i campi obbligatori sono il nome, il cognome e il codice fiscale).

A questo punto impostate l’atto, caricate i files e firmateli digitalmente secondo le modalità descritte nel video dimostrativo che segue (questo è per la memoria 183 IV° co n. 3 cpc)

SPEDIZIONE DELL’ATTO.
Dopo il caricamento dei files e dopo avere apposto la firma digitale sui documenti allegati e sull’atto principale (nonché sulla procura se si tratta dell’atto introduttivo), se è andato tutto bene, non resta che cliccare su CREA BUSTA.

Alla fine del procedimento (che potrà durare anche qualche minuto), una finestra di pop up (v. in basso) segnalerà che la busta è stata ‘creata con successo’.

A quel punto non resta che spedirla, utilizzando proprio il Client di posta elettronica in precedenza configurato.
Il procedimento è del tutto automatico.
Sempre la stessa finestra vi segnalerà la grandezza della busta (in basso a sinistra in grassetto) chiedendovi 1) se intendete spedire subito la busta (pulsante in basso a destra INVIA DEPOSITO) 2) ovvero se volete conservare la busta e spedirla in seguito (pulsante in basso a destra SALVA BUSTA IN).
Se non avete dubbi sulla spedizione, cliccate su INVIA DEPOSITO.

Si aprirà, quindi, IN AUTOMATICO, la finestra di Windows Live Mail contenente il messaggio, l’oggetto, l’allegato e la PEC dell’ufficio destinatario dell’atto (questi dati sono in automatico SELEZIONATI dal programma SL_PCT… quindi non si devono modificare).
L’unico accorgimento (se Windows Live Mail vi gestisce tutte le caselle di posta) è quello di accertare che sulla finestra di spedizione della busta (v. sotto), nell’indirizzo del mittente, SIA SELEZIONATA LA VOSTRA CASELLA PEC.
Non resta che cliccare su INVIA e il gioco è fatto.
Difficile? Mi pare di no.

About Michele Iapicca 273 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E' stato premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, con la Toga d’argento, nell'anno 2004. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

1 Trackback / Pingback

  1. Processo Civile Telematico per Linux? Si, e funziona benissimo. Ecco la guida | Studio Legale De Cicco - Iapicca - Scrivano

I commenti sono bloccati.