Sulle procedure ex art. 702 bis cpc per liquidazione compensi avvocati, decide il Tribunale Collegiale: Cass. 3915/14


Le controversie sulla liquidazione del compenso all’avvocato per prestazioni giudiziali/stragiudiziali, avviate con il rito speciale sommario ex art. 702 bis cpc, devono essere decise dal tribunale in composizione collegiale, pena la nullità della ordinanza conclusiva.

Questa è stata la decisione della suprema corte (ordinanza 3915/14) che ha accolto il ricorso per saltum dell’assistito, cassando la decisione impugnata con rinvio al Tribunale di primo grado in diversa composizione.

Ai sensi dell’art. 14 del DLgs 150/11 (riforma tre riti), infatti, le controversie previste dall’art. 28 della legge 794/42, in tema di liquidazione dei compensi dovuti agli avvocati per prestazioni giudiziali sono decise dal tribunale in composizione collegiale (Cass. SSUU 12609/12).
Nel caso di specie, invece, la causa era stata decisa in composizione monocratica.

Afferma la Corte che: L’inosservanza delle disposizioni sulla composizione collegiale o monocratica del tribunale legittimato a decidere su una domanda giudiziale costituisce, alla stregua del rinvio operato dall’art. 50-quater cod. proc. civ. al successivo art. 161, comma primo, un’autonoma causa di nullità della decisione.

Quindi, Colleghi, prestate attenzione alla fase finale dei 702 bis cpc…

About Michele Iapicca 276 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E' stato premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, con la Toga d’argento, nell'anno 2004. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento