La Cassazione dà il via libera agli accordi prematrimoniali: sentenza n. 23713/12.


La Prima Sezione civile della Corte di Cassazione, ha ritenuto valido l’impegno negoziale assunto dai nubendi in caso di “fallimento” del matrimonio, qualificandolo non come accordo prematrimoniale in vista del divorzio, ma come contratto atipico con condizione sospensiva lecita, espressione dell’autonomia negoziale dei coniugi diretto a realizzare interessi meritevoli di tutela, ai sensi dell’art. 1322, secondo comma c.c.

Quindi, con una netta inversione rispetto al precedente orientamento 1, la Cassazione ha sancito la validità delle pattuizioni prematrimoniali, ovvero dei patti formulati dai nubendi prima del matrimonio.

L’apertura è evidente: il nostro paese cerca di adeguarsi al panorama giuridico degli altri ordinamenti, ove, gli accordi prematrimoniali, invece, sono assolutamente validi e consentiti (cd. prenuptial agreements).

Nella pronuncia in oggetto, la Cassazione ritiene che l’accordo con il quale i nubendi stabiliscono, in modo condizionato, che in caso di cessazione del vincolo matrimoniale, il primo deve cedere all’altro un immobile di sua proprietà, quale corrispettivo delle spese sostenute dal secondo per la ristrutturazione di altro immobile adibito a casa coniugale, sia da considerare valido. Secondo i giudici, infatti, rientra nel concetto di meritevolezza di cui all’art. 1322 c.c. anche la possibilità di regolare rapporti patrimoniali intrafamiliari.

Il merito alla condizione sospensiva (scioglimento del vincolo), la Corte afferma che «il fallimento del matrimonio non viene considerato come causa genetica dell’accordo, ma è degradato a mero “evento condizionale».

Conseguentemente, la scrittura privata firmata dai nubendi prima delle nozze non è nulla, dal momento che il fallimento del matrimonio, costituisce solo l’evento dedotto in condizione e non la causa genetica dell’accordo.

La sentenza è scaricabile qui: Cassazione23713-2012

  1. volto a dichiarare la nullità degli accordi. v. Suprema Corte di Cassazione Sent. n. 1084 del 25 gennaio 2012 ‘…gli accordi dei coniugi diretti a fissare, in sede di separazione, i reciproci rapporti economici, anche in relazione al futuro ed eventuale divorzio, con riferimento all’assegno di divorzio, sono nulli per illiceità della causa, avuto riguardo alla natura assistenziale di detto assegno
About Michele Iapicca 278 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento