Minacciare il lavoratore di licenziamento, in caso di rifiuto a percepire una retribuzione inferiore a quella di legge, è estorsione!


Esemplare la punizione inflitta dalla Cassazione (sentenza 31535/12), ai datori di lavoro ‘furbetti’.
I Giudici della suprema corte, questa volta, hanno stabilito che la condotta del datore di lavoro che approfittando della crisi del mercato, costringa i lavoratori, sotto minaccia di licenziamento, ad accettare trattamenti retributivi bassi e non adeguati alle prestazioni effettuate, può configurare il reato di estorsione ex art. 629 del codice penale.
I poveri lavoratori si erano rivolti al Tribunale di Nicosia perchè costretti, secondo l’accusa, a “restituire” al datore di lavoro, sotto minaccia di licenziamento, una parte delle somme ricevute a titolo di retribuzione e o comunque ad accettare somme inferiori a quelle figuranti sulle buste paga.
La “sanzione” della mancata assunzione o del licenziamento delle varie persone offese in caso di dissenso dalle condizioni coercitive loro imposte, rappresenta proprio quel ‘male antigiuridico’ tipico della estorsione.
Per questo il Tribunale condannava il datore alla pena complessiva di anni sette di reclusione ed euro 3.500 di multa, poi confermata in appello ed oggi anche in Cassazione.
Nella motivazione si legge che: “integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro che, in presenza di una legittima aspettativa di assunzione, costringa l’aspirante lavoratore ad accettare condizioni di lavoro contrarie alla legge e ai contratti collettivi”.
Guai seri, quindi, non solo di natura civilistica, al datore di lavoro che adotta tali ingiusti ‘accorgimenti’.

About Michele Iapicca 278 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento