La media-conciliazione è troppo onerosa, secondo la Commissione Europea (e non solo)

mediazione
mediazione e dipendenti pubblici
mediazione
mediazione e dipendenti pubblici

Nella memoria depositata presso la Corte di Giustizia UE sul caso di media-conciliazione obbligatoria (proposto dal Giudice di Pace di Mercato San Severino – pregiudiziale sulla compatibilità del D.Lgs. 28/2010 con la normativa europea), la Commissione europea è stata molto dura (contro l’istituto… ovviamente).

Riassumendo, il Decreto in questione ha introdotto, per come noto, nel nostro ordinamento processuale, l’istituto della mediazione, da esperire, in molti casi, obbligatoriamente a pena di improcedibilità della domanda giudiziale (art. 5 DLgs 28/10).

La pregiudiziale sollevata dal Gdp intende accertare la compatibilità dell’istituto, che oggi impone alle parti di rivolgersi obbligatoriamente al mediatore, prima di adire l’AG, con il diritto UE (ed in particolare con la direttiva 2008/52/CE – e con l’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea) che, invece, sancisce la volontarietà del ricorso alla giustizia e ad un giudice imparziale 1.

Le Commissione europea, nella memoria depositata, esprime parere negativo, considerando con sfavore una serie di disposizioni del DLgs 28/10, ed in particolare:
- gli artt. 11 e 13 che, in caso di mancato accordo consentono al mediatore, anche in assenza di richiesta delle parti, di formulare una proposta di mediazione, capace di influire sul regime delle spese nel successivo instaurando giudizio;
- l’art. 5 che, imponendo l’obbligatorietà del tentativo, finisce per incidere anche sul diritto di accesso alla giustizia, scoraggiando le parti ad introdurre il processo.

La Commissione vede, infine, con sfavore, anche l’elevato costo richiesto per l’instaurazione e l’espletamento del procedimento di mediazione, in qualche caso superiore al costo di un processo civile.

Sulla questione, ovviamente, non resta che attendere la decisione della Corte di Giustizia (nonché la decisione della consulta, fissata per il prossimo 23 ottobre).

  1. Articolo 47
    Diritto a un ricorso effettivo e a un giudice imparziale
    Ogni individuo i cui diritti e le cui libertà garantiti dal diritto dell’Unione siano stati violati ha diritto a un ricorso effettivo dinanzi a un giudice, nel rispetto delle condizioni previste nel presente articolo.
    Ogni individuo ha diritto a che la sua causa sia esaminata equamente, pubblicamente ed entro un termine ragionevole da un giudice indipendente e imparziale, precostituito per legge. Ogni individuoha la facoltà di farsi consigliare, difendere e rappresentare.
    A coloro che non dispongono di mezzi sufficienti è concesso il patrocinio a spese dello Stato qualora ciò sia necessario per assicurare un accesso effettivo alla giustizia.
About Michele Iapicca 273 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E' stato premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, con la Toga d’argento, nell'anno 2004. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento