Le spese sostenute per la mediazione civile sono recuperabili dalla parte vittoriosa nel processo


Le spese a crico delle parti nel procedimento di mediazione, solitamente, sono:
1) le “spese di avvio” del procedimento di conciliazione, a carico di ciascuna parte che aderisce alla mediazione nella misura di euro 40 + Iva al 21% 1;
2) le “spese di mediazione“, dovute in solido da ciascuna parte, secondo “l’importo indicato nella tabella allegata al decreto” 2.
3) in caso di mancata adesione, le ‘spese per il verbale negativo‘, a carico di chi chiede il verbale di mancata conciliazione, per promuovere l’azione civile.

Secondo una recente decisione di merito 3, in forza del principio di causalità, le spese sostenute per l’obbligatoria mediazione sono recuperabili dal vincitore, in quanto esborsi (art. 91 c.p.c.). Il convenuto soccombente deve essere, perciò, condannato anche al rimborso della somma complessiva sostenuta per espletamento della mediazione.

Infatti, secondo il Giudice di Modena ‘Nel passaggio della causa dalla fase procedimentale a quella processuale in seguito a mutamento del rito, è stato regolarmente esperito il procedimento di mediazione … cui entrambe le parti hanno aderito, per quanto non sia stato raggiunto un accordo conciliativo. Ebbene, le spese di “avvio del procedimento” …. e le “spese di mediazione” … stante la riconducibilità eziologica del procedimento di composizione della lite all’accertato inadempimento del convenuto, in forza del principio di causalità … sono recuperabili dal vincitore, in quanto esborsi‘.

  1. cfr. art. 16 D.M. 18 ottobre 2010 n. 180
  2. cfr. art. 16, 3° comma, D.M. 180/10
  3. Tribunale di Modena, GI Masoni, sentenza 9/3/12
About Michele Iapicca 274 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E' stato premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cosenza, con la Toga d’argento, nell'anno 2004. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento