La crisi del diritto d’autore. Il copyright, tra mercato legale e pirateria. Convegno del 17/5/12 Aula Magna Unical

Non sarà il solito Convegno, ma un vero e proprio scontro, quello che si terrà a Cosenza, questo giovedì 17, dal titolo “La crisi del diritto d’autore. Il copyright, tra mercato legale e pirateria”.

All’Università della Calabria (Aula Magna, ore 14.30), ci saranno, per la prima volta allo stesso tavolo, i nomi più noti in materia di copyright e diritto della rete, a discutere su quella che è stata definita “la guerra del nuovo millennio”. In gioco non c’è solo il download gratuito di qualche cd, ma le stesse libertà fondamentali del web.
Da un lato ci saranno i riformisti, che si battono per una revisione sostanziale del diritto d’autore, resa oggi ancor più necessaria dalle piattaforme di filesharing. Dall’altro, i rappresentanti dell’attuale sistema, l’industria dei contenuti, gli intermediari nella raccolta dei diritti (SIAE) e la polizia postale.
Il tutto dietro lo scenario del temuto regolamento che l’AgCom ha minacciato (sino a qualche giorno fa) di approvare. L’Italia resta inserita nella “watch-list” stilata dal Governo USA, uno Stato ad alto rischio pirateria, dove i detentori di copyright sono invitati a non investire.

L’interrogativo di fondo è quello che occupa, da dieci anni a questa parte, le pagine dei principali giornali e blog: il filesharing è equiparabile al furto di un cd? La contraffazione è realmente causa di disoccupazione? La lotta alla pirateria può giustificare una serie di limitazioni e filtri al web, tanto da renderlo un terreno di caccia?

Quando si parla di diritto d’autore – o, secondo la trasposizione anglosassone, copyright – si pensa spesso a un concetto legato all’arte e alle scienze, tuttavia confinato entro margini di un mercato ben limitato e lontano dalla quotidianità.
In questi anni, però, il copyright è diventato parte della nostra cultura, entrando nella vita di tutti i giorni, con implicazioni non solo nel mondo della musica e nel cinema, ma in ogni attività amatoriale o commerciale. Fotografie digitali, remix di altre opere, software, applicazioni, videogames, blog: tutto è sostenuto da norme un tempo lasciate solo agli avvocati e su cui ora è chiamato a confrontarsi l’uomo comune.
Dall’altro lato, tuttavia, l’impiego di Internet ci ha messo davanti alla constatazione di come l’utilizzo di gran parte dei “contenuti” ci sia stato completamente sottratto. Proprio nell’epoca della condivisione, la collettività si è accorta di non poter condividere più nulla se non nelle forme illegali. Questa consapevolezza ci ha così costretto (in modo conscio o inconscio) a sottrarre, dall’ambito delle condotte socialmente considerate riprovevoli, la pirateria informatica. L’umanità si è trovata di fronte all’alternativa tra il dover rinunciare alle potenzialità concesse dal web o il cambiare la propria concezione di moralità.
L’esigenza di combattere la pirateria rischia però di generare più vittime che vantaggi. Inasprire le azioni di controllo e le pene finisce per minare i principi di proporzione tra illecito e sanzione. In Italia, molti reati caratterizzati da un maggiore disvalore sociale rispetto alla pirateria informatica sono puniti in modo assai più lieve rispetto a chi scarica un cd da internet. Mentre il reato di molestie (anticamera del tanto condannato stalking) è considerato una semplice contravvenzione punita con l’arresto fino a sei mesi, chi copia un cd commette un delitto sanzionato con la reclusione fino ad un anno. Secondo il legislatore, dunque, chi usa un software come Torrent o Emule è due volte più pericoloso rispetto a chi, in pubblico o col telefono, molesti qualcuno.

A introdurre i lavori del convegno e a fare da moderatore sarà Angelo Greco, avvocato e blogger sul diritto d’autore e diritto della rete, collaboratore presso la cattedra di diritto processuale civile dell’Unical.
Greco dirige il portale www.laleggepertutti.it, un ambizioso progetto che traduce, in linguaggio comprensibile a tutti i cittadini, le leggi e le ultime sentenze, in modo da fornire un aggiornato vademecum per la vita di tutti i giorni.

I relatori saranno:
– l’avv. Fulvio Sarzana, famoso blogger e avvocato in materia di copyright e diritto della rete. Recentemente, Sarzana si è distinto per aver pubblicato il “Libro bianco su diritti d’autore”, un interessante saggio che mira a dimostrare che non tutte le critiche riferite alla pirateria sono vere.
– l’avv. Guido Scorza, avvocato, giornalista, docente universitario e famoso blogger in materia di copyright e diritto della rete. Scorza scrive sui principali giornali online (come “Punto Informatico” e “Il Fatto Quotidiano”), distinguendosi da sempre per una posizione a strenua tutela dei diritti della rete.
– il dott. Gennaro Francione, già giudice presso il tribunale penale di Roma. Nel 2001 firmò la nota sentenza “anti-copyright”. Le sue innovative idee hanno fatto il giro del Paese, contribuendo a ispirare il pensiero di diversi ideologi dell’anti-copyright.
– il dott. Filippo Gagliano, direttore della sede S.I.A.E. per la zona Campania, Calabria e Molise.
– la dott.ssa Tiziana Scarpelli, Sost. Commissario Polizia, sezione Polizia Postale di Cosenza.
– l’avv. Leopolodo Lombardi, presidente dell’Associazione Fonografici Italiani (A.F.I.).

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul portale www.laleggepertutti.it e ciascuno spettatore potrà inviare, in tempo reale, domande ai relatori, connettendosi con la pagina facebook del predetto portale.

Comunicato dell’Avv. Angelo Greco
www.laleggepertutti.it

About Michele Iapicca 278 Articoli
Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina nel 2001. Ha svolto la pratica forense presso lo Studio Legale Provenzano in Cosenza, conseguendo l’abilitazione nel 2003. E’ iscritto all’albo dei Conciliatori presso la Camera di Commercio di Cosenza ed è attualmente Conciliatore presso lo stesso Ente. E’, altresì, iscritto nell’albo degli Arbitri presso la Camera Arbitrale ‘C. Mortati’ della CCIAA di Cosenza. Il suo nominativo è presente sia nell’albo dei difensori di ufficio che in quello del gratuito patrocinio per i non abbienti (nella sezione diritto civile). Si occupa prevalentemente di processo telematico, diritto civile, fallimentare, separazioni e divorzi, appalti, infortunistica in generale, recupero crediti ed esecuzioni, diritto tributario, consulenza specialistica ad imprese.

Commenta per primo

Lascia un commento